MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
 
   

di Olivia Monti Arduini

135

30/10/2008

 

Greenwashing

L'inganno verde
 



Il termine Greenwashing fu coniato nel 1986 dall'ambientalista americano Jay Westerveld in un articolo sulla pratica degli alberghi di mettere nelle camere avvisi che ti ricordano di riusare gli asciugamani per "salvare il pianeta". L' attenzione all'ambiente serviva in realtà come copertura per una semplice operazione di diminuzione dei costi da parte degli albergatori.

Il termine viene spesso utilizzato quando l'essere verdi diventa una maschera dietro cui si celano solamente interessi economici, e i soldi vengono spesi più per la pubblicità che per iniziative ambientali. Insomma la solita vecchia pubblicità ingannevole.

Anche in periodi di crisi è dimostrato che il consumatore è più portato ad acquistare, malgrado un prezzo maggiore, prodotti che lo fanno sentire bene. Praticamente noi vogliamo continuare a consumare e in più avere la coscienza a posto.

Quale terreno più fertile per venderci un bel po' di prodotti di cui non abbiamo bisogno!

Per provare questa teoria, dopo aver ascoltato uno spot in radio sono andata all'edicola più vicina e ho comprato un mensile (che altrimenti non comprerei) che si faceva pubblicità usando la scusa di un edizione dedicata all'ambiente.

Invece della plastica era avvolto in carta riciclata, ma all'interno più che un numero dedicato all'ecologia sembrava dedicato alla pubblicità di prodotti simil-verdi. La maggior parte delle pagine erano occupate da aziende di dubbia coscienza ambientalista e i redazionali erano trasformati in liste di prodotti appena usciti!

Il greenwashing funziona e anche bene. In Italia è una novità ma sta prendendo piede molto velocemente, in fondo costa relativamente poco darsi una pennellata di verde, un fiore oppure un bel prato, va bene anche il cielo o un bambino che ride e vedrete che successo! Di questi tempi tutto sta diventando ecologico, anche il finto pelo nei cappotti è pelliccia ecologica! Va bene così non si uccidono gli animali... ma non bastava chiamarla pelliccia sintetica!

E poi è possibile che tutte queste aziende siano diventate improvvisamente così virtuose?
Eni, Finish, Lipton, addirittura Chiquita, solo per citarne alcune.

Il dubbio è lecito, anche perché mi sembra che più che verdi stiamo diventando unicamente più polli.

E allora eccoci pronti a una nuova sfida, con l'aiuto di colleghi d'oltralpe già piuttosto esperti in materia, vediamo come difenderci:

1. riferimenti all'eco-sostenibilità in generale, senza evidenze pratiche.

2. attenzione anche ad affermazioni troppo specifiche. es. "emissioni ridotte rispetto a una macchina che viaggia a 60 km" segue un asterisco che in piccolissimi caratteri a fondo pagina, parla di uno studio misterioso.

3.diffidate, come abbiamo detto, di prati verdi ecc..

4. occhio agli investimenti "verdi" delle aziende, se sono una minima percentuale non significano niente.

5.affermazioni che sembrano semplicemente assurde, molto spesso lo sono.

E per chi volesse denunciare una campagna particolarmente imbrogliona c'è Stop Greenwashing sito di Greenpeace o Greenwashingindex.


Condividi

 Facebook                        Upnews

Commenti


commenta...
 
nel numero 29 del 02/01/2010:
379 Buon anno Mondo!
380 COP15
381 Roma e la Terza Rivoluzione Industriale
382 Italia: 2009, considerazioni sulla vivibilità
383 Ricostruzione Abruzzo
384 Greenpeace: ecco le aziende hi tech eco-sostenibili
386 H&M e l'invasione del cotone mutante
390 Fà la cosa giusta 2010
412 Spiagge italiane:
414 Ecoturismo in crescita:
417 I Souvenir da Evitare per le Eco-Vacanze
419 “Vacanze Romane”
420 Eco-Catamarano Plastiki
421 Olio fritto, dove si butta?
422 Ecospiaggia 2010;
nel numero 28 del 16/11/2009:
371 Fine della caduta.
372 Banda larga: facciamo il punto
373 Guerra ai Wattivori
374 Summit Copenhagen 2009
375 Fao: Summit sulla Sicurezza Alimentare 2009
376 Renzo Landi: il successo dell'azienda emiliana si chiama avanguardia e formazione
377 Brunello Cucinelli
378 Professioni Verdi
nel numero 27 del 02/10/2009:
365 Segnali di ripresa
366 Green Economy: quando l'agricoltura non è più un taboo
367 Crisi e aziende: dove vanno le banche.
368 Condivisione degli utili tra impresa e lavoratori
369 eBook: se i grandi snobbano i piccoli
370 Abi: luci ed ombre sulla moratoria per le famiglie
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile