MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
 
   

di Cecilia Volpini

344

10/07/2009

 

Partenze Intelligenti?

Parliamo del Come, non del Quando


(Madagascar)

Per chi ama la natura, per chi rispetta le culture locali o semplicemente per chi vuole dare una mano ai paesi più poveri.
L’idea è quella di conciliare ecosostenibilità e turismo per scoprire nuove tipologie di viaggio.
Oggi sono numerose le vacanze progettate per aiutare le popolazioni dei paesi che si visitano, perché il turismo, se strutturato e organizzato nel giusto modo, può produrre un’importante ricaduta economica anche e soprattutto con i viaggi ecosostenibili e solidali.

Molti sono i tour operator che hanno finalmente pensato di unire l’utile al dilettevole e tra questi ”I Viaggi del Turchese” la cui ultima iniziativa si chiama “adozione di progetti in Egitto”.
Per ogni passeggero che viaggerà con loro fino al 31 ottobre 2009, devolverà 1 Euro a due importanti associazioni egiziane, impegnate nella solidarietà e nella ricerca.
Un altro gesto di sensibilizzazione lo ha dimostrato riducendo del 25% lo spessore della carta utilizzata per la realizzazione dei depliant, diminuendo così l’abbattimento degli alberi dell’85%.

Pensando invece a Viaggi un po' più impegnativi, tra le tante offerte, abbiamo trovato interessanti le proposte di“Viaggi e Miraggi” (Società Cooperativa Sociale ONLUS) che, un mese prima della partenza per l’estero, organizza delle vere e proprie riunioni preparatorie, durante le quali i viaggiatori, hanno la possibilità di avere una formazione sui principi del Turismo Responsabile, di ricevere informazioni sul paese per poter comprendere meglio la destinazione scelta, di incontrarsi e conoscersi.


(Lago Titicaca)

Tantissime le mete allettanti, come l' India con lo scopo principale di conoscere SEWA, un’organizzazione autonoma di donne artigiane che confezionano splendidi capi d’abbigliamento, poi rivenduti in Italia e nel mondo.
Il Madagascar, considerato dalla comunità internazionale per la tutela ambientale uno dei paesi ecologicamente più ricchi del pianeta. Grazie anche alle vicine Isole Comore, possiede circa un quarto delle piante da fiore di tutta l'Africa.
O il Perù, dove si può avere l’opportunità di godere del fascino delle antichità Incas, le incredibili zone naturalistiche della Sierra fino al lago Titicaca e di conoscere le famiglie del luogo.

Per chi invece non dovesse amare “I Pacchetti” precostruiti o facesse parte della categoria dei “temerari”, i famosi turisti fai da te, oggi sempre più numerosi grazie ad internet, o addirittura per coloro che pensano di assicurarsi solamente il posto in aereo per poi arrangiarsi direttamente in terra straniera; la buona notizia è che anche la semplice scelta della compagnia aerea può fare molto.
Infatti, ci sono compagnie più ecologiche di altre.
E’ vero, siamo ancora molto lontani dal parlare di aerei sostenibili, ma, ad esempio, in genere le compagnie continentali, utilizzano mezzi a turboelica, riducendo così del 30% il consumo di carburante rispetto ai loro omologhi con motore jet.

La Japan Airlines (vedi ns. articolo 249) sta addirittura scoprendo che i biocarburanti possono effettivamente anche aumentare l’efficienza, ed in Nuova Zelanda stanno progettando i jumbo che si mettono in stand-by durante le operazioni di sbarco per risparmiare carburante.
E allora perché non chiedere alla propria compagnia che cosa sta facendo di ecologico prima di comprare un biglietto?

Sappiamo bene però che non tutti possono permettersi grandi viaggi avventurosi o semplicemente hanno la possibilità o la voglia di allontanarsi troppo da casa.
Ed ecco che anche i bed and breakfast diventano protagonisti, cominciando anche loro a pensare seriamente all’ambiente.


(B&B Edera)

Se doveste per esempio trovarvi in Piemonte nei pressi di Torino potreste prenotare un soggiorno all’insegna del “lusso naturale”, l'unico bed & breakfast a quattro stelle nell'area metropolitana torinese che vanta già il marchio B&B Doc si chiama ”Edera” di Castagnole Piemonte.
Solare termico, stufa a pellets, un sistema per il recupero delle acque piovane per scopi irrigui, elettrodomestici di classe energetica più efficiente e uso di prodotti tipici e locali, che provengono da aziende nel raggio di 100 km dalla struttura.

Come vedete anche "navigando" senza inquinare, scopriamo che sono proprio tanti i modi per divertirci o riposarci facendo anche del bene, perché non farlo?

 

 


Condividi

 Facebook                        Upnews

Commenti


commenta...
 
nel numero 29 del 02/01/2010:
379 Buon anno Mondo!
380 COP15
381 Roma e la Terza Rivoluzione Industriale
382 Italia: 2009, considerazioni sulla vivibilità
383 Ricostruzione Abruzzo
384 Greenpeace: ecco le aziende hi tech eco-sostenibili
386 H&M e l'invasione del cotone mutante
390 Fà la cosa giusta 2010
412 Spiagge italiane:
414 Ecoturismo in crescita:
417 I Souvenir da Evitare per le Eco-Vacanze
419 “Vacanze Romane”
420 Eco-Catamarano Plastiki
421 Olio fritto, dove si butta?
422 Ecospiaggia 2010;
nel numero 28 del 16/11/2009:
371 Fine della caduta.
372 Banda larga: facciamo il punto
373 Guerra ai Wattivori
374 Summit Copenhagen 2009
375 Fao: Summit sulla Sicurezza Alimentare 2009
376 Renzo Landi: il successo dell'azienda emiliana si chiama avanguardia e formazione
377 Brunello Cucinelli
378 Professioni Verdi
nel numero 27 del 02/10/2009:
365 Segnali di ripresa
366 Green Economy: quando l'agricoltura non è più un taboo
367 Crisi e aziende: dove vanno le banche.
368 Condivisione degli utili tra impresa e lavoratori
369 eBook: se i grandi snobbano i piccoli
370 Abi: luci ed ombre sulla moratoria per le famiglie
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile