MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
 
   

di Laura Senatore

348

10/07/2009

 

Pianta un Fiore anche Tu!

Guerrilla gardening: giardinaggio cittadino contro il degrado

Forse a chiunque, almeno una volta, è capitato di camminare attraverso le affollata strade della propria città, costretti dal cemento e dal traffico, da una desolazione urbana che stenta a mantenere in vita i pochi spazi verdi rimasti. Forse a tutti noi, almeno una volta, è capitato di pensare di lasciare la grigia e rumorosa dimensione cittadina, per vivere circondati da verde e tranquillità. Ma negli ultimi tempi sono sorti gruppi spontanei che tentano, a loro modo, di agire sull’aspetto urbano. Parliamo di piccoli gesti, iniziative autonome di persone che decidono di diffondere un po' di verde in città.

Si chiama guerrilla gardening e si propone come reazione contro il degrado urbano, attraverso incursioni cittadine che in gergo chiamano “attacchi verdi”. Nella pratica piantano fiori, alberi o aiuole nella zone un tempo verdeggianti. Il GG è un movimento di mobilizzazione spontaneo, si intende...illegale, che potremmo definire quale sorta di attivismo urbano, nato dall’esigenza di trasformare porzioni di terra inutilizzate o lasciate in balia di se stesse e dell’incuranza cittadina, in aree verdi o coltivate. Il fenomeno è senza dubbio di matrice statunitense e britannica, ma negli ultimi anni ha preso piede anche nel nostro paese, soprattutto nelle città del centro-nord, e si identifica in singoli o gruppi, fino a vere e proprie associazioni politicamente orientate.

Nel frattempo sono sorti il portale ufficiale dell’iniziativa (www.guerrillagardening.it) e numerosi gruppi presenti anche on-line. Come dire, senza dubbio una forma di resistenza non violenta, che potremmo quasi intendere come giardinaggio sociale, il cui scopo è quello di creare giardini o di piantare alberi in spazi sommersi dal cemento e dalla nostra negligenza.   


Condividi

 Facebook                        Upnews

Commenti


commenta...
 
nel numero 29 del 02/01/2010:
379 Buon anno Mondo!
380 COP15
381 Roma e la Terza Rivoluzione Industriale
382 Italia: 2009, considerazioni sulla vivibilità
383 Ricostruzione Abruzzo
384 Greenpeace: ecco le aziende hi tech eco-sostenibili
386 H&M e l'invasione del cotone mutante
390 Fà la cosa giusta 2010
412 Spiagge italiane:
414 Ecoturismo in crescita:
417 I Souvenir da Evitare per le Eco-Vacanze
419 “Vacanze Romane”
420 Eco-Catamarano Plastiki
421 Olio fritto, dove si butta?
422 Ecospiaggia 2010;
nel numero 28 del 16/11/2009:
371 Fine della caduta.
372 Banda larga: facciamo il punto
373 Guerra ai Wattivori
374 Summit Copenhagen 2009
375 Fao: Summit sulla Sicurezza Alimentare 2009
376 Renzo Landi: il successo dell'azienda emiliana si chiama avanguardia e formazione
377 Brunello Cucinelli
378 Professioni Verdi
nel numero 27 del 02/10/2009:
365 Segnali di ripresa
366 Green Economy: quando l'agricoltura non è più un taboo
367 Crisi e aziende: dove vanno le banche.
368 Condivisione degli utili tra impresa e lavoratori
369 eBook: se i grandi snobbano i piccoli
370 Abi: luci ed ombre sulla moratoria per le famiglie
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile