MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile
 
   

di Olivia Monti Arduini

130

30/10/2008

 

Un Mondo di Plastica

Istruzioni per l'uso
 

gomi@stockxchange

Fermatevi un istante e guardatevi intorno, quanti oggetti in plastica potete contare?

Dieci, magari venti...forse di più. Sedia, tavolo, computer, penna, borsa (la famosa pelle ecologica), scarpe, indumenti vari: dalle mutande in microfibra al maglione in pile, la bottiglia dell'acqua, il cellulare...ecc

Siamo talmente circondati dalla plastica da non rendercene nemmeno più conto, quello che oggi per noi è scontato, solo 50 anni fa non esisteva neppure. I nostri genitori indossavano maglioni di lana e scarpe di cuoio e scrivevano su tavoli in legno e di certo non bevevano in bicchieri di polistirene.

La plastica è utile per moltissime cose, alcuni oggetti non esisterebbero se non fosse per le infinite mutazione di questo incredibile materiale. La sua funzionalità è indiscutibile, può diventare dura, morbida, sottilissima, resistente, infrangibile, soffice e sopratutto è bravissima ad imitare altri materiali più costosi come pelle, pietra, legno pur rimanendo economica.

Tutte le materie plastiche sono composti complessi del carbonio e vengono prodotte nella maggioranza dei casi dal petrolio, sono  polimeri, cioè ripetizioni di lunghe catene di molecole base. Anche la cera, la cellulosa e il caucciù sono polimeri ma a differenza di quelli sintetici sono materie biodegradabili.

E' questo il vero problema plastica: è indistruttibile. Purtroppo lo è in tutti i sensi, una busta della spesa ha una vita quasi eterna. Noi di plastica ne produciamo, circa 100 milioni di tonnellate annue, e ne consumiamo tanta ad un costo irrisorio, malgrado l'aumento del petrolio rimane un materiale molto conveniente. E questo è il secondo problema: costa poco. Compriamo, usiamo, buttiamo, ricompriamo.

Pensiamo agli imballi, che assorbono il 60% della produzione di materie plastiche, avrebbero una vita lunghissima, ma noi ce ne sbarazziamo in brevissimo tempo buttandoli nella spazzatura. A ben poco di quello che gettiamo via viene data un' altra possibilità, spesso il riciclo è costoso e complesso. E allora come sbarazzarcene ?

Bruciarla non si può, rilascerebbe diossina, sostanza letale che incontriamo già troppo spesso nel nostro belpaese. Sarebbe bello creare un materiale che finito l' uso si smaterializzasse, pensate niente più sacchi della spazzatura ne tantomeno spazzatura.

Questi materiali fantascientifici esistono già (vi ricordate i sacchetti di mais?) ma per ora hanno un costo dal 2 al 10 per cento superiore alla nostra famigerata plastica, e perciò non vengono considerate.

Le vere alternative sono poche, sicuramente quello che possiamo fare per evitare di finire "plastificati" anche noi è evitare di comprare alimenti con imballi. Lo sapete che spesso il contenitore vale 1/3 del prezzo ?

Niente confezioni, scatolette o bottiglie, i prodotti sfusi alleggeriranno la vostra 'monezza ma non il portafoglio! Il contenuto non deve essere un pretesto per vendervi l'imballo!

christine-jeavans@bbc.co.uk

Ad illuminarci la via c'è Christine Jeavans che per un mese si è imposta di vivere senza comprare niente fatto di plastica, la sua impresa seguitissima è stata documentata in un blog della BBC.

photo@junkraft.com

Un'altra impresa interessante, che ha lo scopo di far crescere l'attenzione sullo stato di inquinamento dei nostri Oceani, è Junk. Imbarcazione realizzata con 15,000 bottiglie di plastica e un Cesna 310, partita dalla California il 9 Agosto e diretta ad Honolulu.

Se siete meno temerari potete emulare i coniugi inglesi John e Ann Till, che raccogliendo per tre mesi bottiglie e lattine, sono riusciti a convertirle in 36,000 miglia della British Airways e così permettersi il volo di ritorno in Business Class da New York al termine della luna di miele.

Loro sono riusciti a realizzare questo sogno grazie alle macchinette per il riciclo automatico fuori dalla catena inglese di  supermercati Tesco, che permettono di accumulare punti per ogni oggetto inserito.


In Italia un progetto simile è quello della piemontese Recoplastica, che opera nel ramo del riciclo. L'azienda nata nel 2006 si pone come missione la semplificazione della gestione dei rifiuti dei cittadini e la loro valorizzazione. Attraverso la creazione di eco-punti, negozi che comprano i nostri rifiuti. Certo i guadagni sono pochini ma come di questi tempi tutto fa' brodo.


Condividi

 Facebook                        Upnews

Commenti


commenta...
 
nel numero 05 del 05/11/2008:
136 Obama
137 Ecomondo 12esima Edizione. 5-8 Novembre a Rimini
138 Chi Ha Ucciso l'Auto Elettrica?
139 La Famiglia Lindi
140 Apple: Verde, Verdina quasi Verde
141 Nucleare
142 Se il Freddo è Relativo
143 Che Pane Mangi?
144 Il WWF Presenta il Living Planet Report 2008
145 Gioielli Ecologici
nel numero 04 del 30/10/2008:
126 360° Green Revolution. Verdi si diventa
127 Negli U.S.A. la Bioarchitettura Italiana
128 Perchè Costruire? Prefabbrichiamo!
129 Eco-Fitness
130 Un Mondo di Plastica
131 La (Ri)Conquista dell'Eden
132 Pomo d'Oro
133 R.A.E.E., What?
134 Quando la Barca Segue la Corrente
135 Greenwashing
nel numero 03 del 22/10/2008:
117 A Roma il Festival Audiovisivo della Biodiversità
118 Tracciabilità Alimentare
119 Wall-e il Robot Ecologico. A Ottobre nei Cinema
120 Il Vino Biodinamico
121 Solo Due Gradi in Più
122 Quanto è Verde il mio Albergo
123 Last Minute Market
124 Acqua
125 Basta Nuove Case
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
 
MY-GREEN: Etico, Eco, Bio, Sostenibile